Voglio sapere tutto

Esistenzialismo

Pin
Send
Share
Send


il esistenzialismo è un corrente filosofica inseguendo il conoscenza della realtà attraverso l'esperienza immediata della propria esistenza. Tuttavia, una teoria precisa o esatta che definisce chiaramente questo concetto non è stata sviluppata.

Ciò che è chiaro è che questo movimento di filosofia evidenzia l'essere umano individuale come creatore del significato della sua vita. La temporalità del soggetto, la sua esistenza concreta nel mondo , è ciò che costituisce l'essere e non una presunta essenza più astratta.

Gli esistenzialisti non credono che l'individuo faccia parte di un tutto, ma che ogni essere umano sia una libera integrità in sé. L'esistenza di a persona è ciò che definisce il tuo essenza e non una condizione umana generale.

In altre parole, l'essere umano esiste poiché è in grado di generare qualsiasi tipo di pensiero. Il pensiero rende la persona libera: senza libertà non esiste esistenza.

Questa stessa libertà rende l'individuo un essere responsabile delle sue azioni. Vi è, quindi, a etica del responsabilità individuale . La persona deve farsi carico degli atti che compie nell'esercizio della sua libertà.

Emersione di questo pensiero

Questo termine fu il risultato di un intenso lavoro filosofico sviluppato tra il XIX e il XX secolo; in una chiara ricerca della ragione dell'esistenza dall'individualità, dalle emozioni, dalle azioni e dalla responsabilità di ogni individuo.

È considerato come padre dell'esistenzialismo del filosofo Soren Kierkegaard. Fu lui a determinare che ogni individuo è colui che deve trovare un significato nella propria esistenza. E ha aggiunto che la più grande responsabilità dell'essere umano sta nel vivere la propria vita in modo appassionato e sincero, nonostante i mille ostacoli che possono sorgere.

Comunque, il termine non fu coniato fino agli anni '40 e quelli che lo fecero furono i francesi Jean-Paul Sartre (1905 -1980 ) e Albert Camus (1913 -1960 ). Considerato oggi come il massimi esponenti dell'esistenzialismo .

Come spiegato dallo stesso Sartre, l'esistenzialismo è un modo umano di comprendere l'esistenza. Successivamente, pensatori di epoche precedenti come Hedegger, Nietzche o lo stesso Kierkegaard furono inclusi in questa ideologia.

Questa corrente può essere divisa in varie scuole; Tra questi possiamo evidenziare: esistenzialismo teistico (riflette sull'esistenza di Dio e lo Spirito), il esistenzialismo ateo (nega il divino) e il esistenzialismo agnostico (ritiene che l'esistenza di Dio sia irrilevante per l'esistenza umana).

Esistenzialismo in letteratura

In letteratura, sicuramente i massimi alleati di questa linea di pensiero erano Fiódor Dostoyevski e Franz Kafka.

Tra le opere di Dostoevskij potremmo menzionare "Ricordi del sottosuolo" come un chiaro trattato esistenzialista. Presenta la vita di un uomo che si sente fuori dal suo gruppo, incapace di adattarsi alla società e dare un senso alla sua esistenza. Un altro lavoro di questo autore che potrebbe essere nominato esistenzialista è "Delitto e castigo".

Nell'opera di Kafka ci sono anche diversi personaggi che permettono all'ideologia di questo autore di essere collocata vicino a quella di Dostoevskij. Molti di loro sono esseri surreale e disperata Non trovano alcun senso nel respiro ogni giorno e vivono condannati a un sistema assurdo che li reprime e non permette loro di essere felici. Vengono considerati i suoi romanzi fondamentali "La metamorfosi" e "Il processo" due magnifiche opere nella letteratura esistenzialista .

Vale la pena ricordare che lui stesso Sartre ha anche scritto un romanzo, intitolato "La nausea" che riflette le idee fondamentali di questa corrente. Si raccomanda come materiale per affrontare complicati ragionamenti filosofici. È anche un'opera di riferimento che ha ispirato molti autori post-francesi, come Philip K. Dick o Chuck Palahniuk.

Pin
Send
Share
Send